Storia, Artee Cultura

Dolceacqua è un tipico borgo medievale della val Nervia, lungo il torrente omonimo. La parte più antica del borgo, è dominata dal castello dei Doria e viene chiamata dagli abitanti Terra (Téra nel dialetto locale). Quella più moderna, chiamata il Borgo, si allunga sulla riva opposta, ai lati della strada che sale la valle. E’ un piccolo paesino ove risiedono poco più di 2000 abitanti, ma ricco di storia, leggende, tradizioni, arte e cultura.

Una delle più antiche rappresentazioni di Dolceacqua, quando ancora era chiamata Dulcis-Aquae

Il nome Dolceacqua deriva dal latino “villa dulciaca”, fondo rustico di età romana, trasformato in seguito in “Dusäiga”, attuale nome dialettale, quindi “Dulcisacqua”. Le prime tracce del paese sono risalenti al quinto secolo avanti Cristo, mentre la prima citazione si trova su un documento del 1151. La storia nei secoli successivi si identifica con le vicende del castello e della signoria dei marchesi Doria.

Affresco di Raimondo “Barbadirame” situato nei pressi del ponte Vecchio, in omaggio ad Andrea Doria “Figlio di Dolceacqua per parte di madre”

“… il luogo è superbo, vi è un ponte che è un gioiello di leggerezza …”, così Monet descrisse Dolceacqua durante la sua permanenza nel 1884, dopo un primo viaggio in compagnia di Renoir. La sua opera “Le Château de Dolceacqua” nel 2019 è rimasta esposta per qualche mese nel Castello dei Doria


Raimondo “Barbadirame” pittore e scultore amico di Pablo Picasso, apprezzatto da Grace Kelly, ritrasse la vita contadina delle sue terre; Franco Giglio artista poliedrico tra Italia e sud America; Giovanni Morscio espose per anni a Parigi, dedicata a lui la Pinacoteca


Il palazzo storico “Luigina Garoscio” è sede della Pinacoteca “Giovanni Morscio”, del Piccolo museo del figurino storico, della Biblioteca civica e archivio storico, del Centro Culturale.

“Le Château de Dolceacqua” (Claude Monet, 1884)

Fratelli d’Italia

Dolceacqua ospitò per parecchi anni Gerolamo Novaro, padre di Michele Novaro, compositore che musicò il “Canto degli Italiani” di Goffredo Mameli oggi più comunemente chiamato “Fratelli d’Italia”.

IL FANTASMA DI LUCREZIA

Si narra che tra le rovine del castello si aggiri il fantasma di Lucrezia…
Scopri la leggenda a cui si deve la creazione della Michetta, il dolce tipico del paese

La processione di San Sebastiano a fine gennaio caratterizzata da un grande albero di alloro decorato con centinaia di ostie colorate; i caratteristici fuochi nelle piazze del paese dalla vigilia di Natale fino all’Epifania, occasione di ritrovo e canti; la festa della michetta, il dolce tipico del paese, il giorno dopo Ferragosto, legata alla leggenda di Lucrezia e caratterizzata da giovani che cantano e ballano per le strade del paese; la pallapugno in piazza…

L’albero di alloro addobbato durante le celebrazioni di San Sebastiano

Scopri anche